la-cartuccia-toner-ricoh (002)

Perché scegliere una stampante laser

Nell’era della digitalizzazione e dematerializzazione delle informazioni, nonostante tutto, le stampanti giocano ancora un ruolo importante: vediamo perché tanti utenti decidono di acquistarne una a laser.

Una stampante laser anche per casa

Le periferiche di stampa, con il passare del tempo, si sono trasformate in macchine sempre più sofisticate e versatili, capaci di comunicare in maniera efficiente con dispositivi e mobili, come del resto, di consentire una veloce digitalizzazione di documenti cartacei: e in tutto ciò, conservano comunque un ruolo importante nella produzione di documentazione in formato fisico.

Tra le diverse tipologie di stampante, quelle laser sono sempre più apprezzate pure in ambito consumer, sebbene taluni possano temere che la cartuccia toner per una stampante Ricoh – o di qualunque altro brand – possa avere un costo non indifferente, e ciò è dovuto principalmente al potenziale tecnologico di queste macchine, le cui performance sono superiori rispetto a quelle a getto d’inchiostro. Grazie ai progressi tecnologici nonché ad una maggiore diffusione sul mercato, queste periferiche di stampa hanno conosciuto un importante calo di prezzo, fattore questo essenziale perché tante persone decidessero di sceglierne una pure la propria abitazione, o anche l’home office, dove ad esempio si può approfittare della maggior velocità della macchina laser rispetto a quella inkjet.

Ma andiamo con ordine e cerchiamo di vedere meglio, nei prossimi paragrafi, quelli che potrebbero essere i punti a favore dell’acquisto di una stampante laser e, al contrario, quelli che potrebbero essere gli svantaggi derivanti dal fatto di scegliere una periferica di stampa di questo tipo.

I vantaggi di una stampante laser

Dando uno sguardo ai pregi di una macchina laser, non si può fare a meno di notare quanto la stessa sia decisamente più veloce rispetto ad una inkjet: nel primo caso, infatti, il foglio ruota attorno ad un rullo, mentre nel secondo, la periferica deve riprodurre le immagini lanciando dell’inchiostro sulla carta.

Nonostante la maggior velocità, tuttavia, una stampante laser riesce a garantire una precisione superiore in fase di stampa, vale a dire, l’assenza delle sbavature che, invece, spesso si manifestano sull’inkjet, magari pure in ragione dei tempi di asciugatura dell’inchiostro sulla carta, sebbene la fedeltà di stampa sia spesso superiore con quest’ultima tecnologia. Un altro punto a favore delle periferiche di stampa laser può essere rappresentato da un minor costo unitario della pagina stampata, soprattutto in rapporto alla durata dei consumabili: questa considerazione è particolarmente utile per coloro i quali sono soliti stampare importanti volumi di carta.

Passiamo, quindi, ad un aspetto piuttosto controverso, vale a dire, quello che riguarda la sostituzione dei consumabili: qualunque periferica di stampa, prima o poi, necessita di nuove cartucce e toner e, di conseguenza, valutare attentamente quale sia la durata di questo materiale è essenziale al pari del prezzo di acquisto. Un toner, in questo senso, rappresenta spesso la soluzione più conveniente, proprio perché con alcune macchine, si arriva ad un costo unitario per pagina stampata di alcuni centesimi, rispetto alla decina che si arriva a toccare, spesso, con le periferiche di stampa tipo inkjet.

Gli svantaggi di una periferica di stampa laser

Dopo aver analizzato i pregi delle stampanti laser, ora, cerchiamo di dare uno sguardo anche a quelli che potrebbero essere i principali difetti di queste macchine, in maniera tale da permettere all’utente finale di compiere una scelta consapevole, prima di adottare l’una o l’altra tipologia di periferica. Il prezzo di acquisto di una stampante laser, indubbiamente, può essere spesso un deterrente all’acquisto: tuttavia, l’iniziale esborso maggiore si può compensare poi con un minor costo nella stampa e con le performance tipiche di queste macchine.

Il secondo punto a sfavore relativamente all’acquisto di una stampante laser, è indubbiamente quello relativo alla qualità cromatica nella riproduzione su carta: la stessa, salvo per modelli particolarmente costosi, è spesso più bassa rispetto alle macchine inkjet, un aspetto di cui tenere conto qualora doveste produrre tanti documenti a colori.