scegliere un valido fornitore CBD italiano

Come scegliere un valido fornitore CBD italiano

L’uso della CBD

Fare uso di CDB non è da considerare una moda o un passatempo ma, come per molte altre sostanze utili per il consumo alimentare, è necessario utilizzare prodotti sicuri e controllati. Allo stesso modo è necessario conoscere sia le norme che ne regolano l’utilizzo nel territorio italiano, sia conoscere gli effetti benefici di questa pianta.

Sono molti, infatti, purtroppo gli aspetti poco conosciuti del CDB dalla maggior parte delle persone, così come ancora molti guardano al prodotto con sospetto e circospezione. Dopo la lettura di questo articolo saremo in grado di orientarci meglio nel mondo della CBD e individuare dov’è possibile rifornirci.

L’uso della CBD e le sue proprietà benefiche

Fare uso di cannabis vuol dire rivolgersi a prodotti sicuri, in grado di curare e di garantire diversi benefici. È di estrema importanza rivolgersi a commercianti seri che vendono prodotti di qualità elevata, legali e sicuri sotto diversi punti di vista. Per questo abbiamo portato avanti alcune ricerche e, alla fine della lettura di questo paragrafo, sapremo come scegliere il miglior fornitore CBD in Italia .

I venditori di cannabis offrono prodotti in regola con le indicazioni della legge sull’utilizzo di cannabis, contraddistinti dall’equivalente “livello di principi attivi – THC – indicati dalle norme italiane”.

I prodotti che contengono cannabis light, quindi, sono legali se in linea con gli standard indicati dalle normative, con una “percentuale di tetraidrocannabinolo” non più alta dello 0,7%.

Attualmente è possibile rifornirsi dei derivati di cannabis in diversi punti vendita fisici: tabaccherie e negozi. Sono presenti anche diversi siti web online dove la vendita della è consentita.

Ovviamente ogni tipologia di prodotto non deve superare la quantità di principio attivo – THC -indicato sopra.

Un discorso a parte merita la presenza di “cannabidiolo”, il CBD. Si tratta di una sostanza estratta dalla canapa, priva di effetti psicoattivi, il cui uso non interferisce con la parte psichica dell’individuo.

I prodotti che contengono CBD sono completamente naturali, di provenienza vegetale, non solubili in acqua e resistenti a qualsiasi temperatura.

Proprio per tali caratteristiche la presenza di CDB non è soggetta a limitazioni di legge rispetto alla percentuale contenuta nei prodotti assunti.

Gli effetti benefici del “cannabidiolo” sono visibili nel sistema nervoso dell’uomo in maniera molto ampia. La CBD, è un ottimo rilassante, antiossidante e antinfiammatorio, è in grado di contrastare le convulsioni, combattere e prevenire l’ansia e gli attacchi di panico, oltre che favorire il riposo e il sonno.

L’uso della CBD e dove acquistarla

Chiariti gli aspetti legati ai molteplici benefici della CBD e alla sua presenza, nella percentuale consentita dalle normative italiane, non resta che individuare dove potersi rifornire in maniera valida nel territorio della penisola.

Da premettere che un valido fornitore è quello rispettoso della legge. La primissima verifica che deve fungere come carta d’identità legale del venditore è la vendita di prodotti contenenti CDB soltanto a maggiorenni.

Verificato questo, già di parte con un punto a favore rispetto alla validità del fornitore.

Altra verifica è quella rivolta alla vendita di cannabis per uso terapeutico oppure per un utilizzo legato ai suoi benefici. Si tratta di una differenza sottile ma sostanziale. La prima tipologia prevede un impiego come terapia medica e la sua vendita deve avvenire soltanto dietro scrupolosa prescrizione con ricetta medica, assolutamente non ripetibile, reperibile soltanto nelle farmacie che hanno l’autorizzazione di vendita.

La seconda tipologia è riferita a tutti gli altri usi ricreativi, non legati alla medicina. Si tratta di prodotti che vanno dalla gomma da masticare rilassante, al gelato gusto cannabis, dal succo di frutta alla fragola o all’arancia, a olio rilassante, utile per vari usi benefici.

Il fornitore valido si attiene a vendere diligentemente e in maniera coscienziosa prodotti con CBD riferiti alla seconda tipologia da noi indicata, non considerando nella maniera più assoluta preparati per uso medico.

Altro elemento da considerare per la validità del fornitore è la tracciabilità della provenienza della cannabis presente nel prodotto messo in vendita. Si tratta di una condizione che garantisce la piena qualità della commercializzazione della CBD. Tutta la filiera della coltivazione della canapa, dalla piantina al terreno di semina, dalla raccolta alla produzione, e alla messa in commercio, deve corrispondere a quanto indicano le normative italiane.

Riepilogando, le condizioni necessarie affinché un fornitore di CBD venga considerato valido, sono tre: non vendere ai minorenni, non commercializzare prodotti destinati a uso medico, fornire elementi di chiara tracciabilità in merito alla provenienza della cannabis.

I fornitori seri e professionali che lavorano coscienziosamente e conformi alle leggi dello Stato, sono facilmente identificabili controllando le condizioni da noi esposte, sia nei negozi fisici che online, basta soltanto verificare la presenza o meno degli elementi in grado di contraddistinguerli.