Cartucce Epson ricaricabili con il giusto inchiostro

Cartucce ricaricabili Epson

Il marchio Epson è un noto marchio di un’azienda giapponese del settore dell’elettronica di consumo.Questa azienda nota a livello internazionale, è produttrice in particolare di macchinari da ufficio come stampanti, e ancora scanner, personal computer, laptop, proiettori, registratori di cassa, orologi tramite la collaborazione con Seiko, home theatre, circuiti integrati, componenti LCD.

I prodotti della Epson sono di alta gamma e qualità, e sfruttano le più moderne tecnologie per l’utilizzo aziendale, ma anche in piccoli ufficio per un uso domestico.

Per quel che riguarda i consumabili da ufficio, Epson produce anche cartucce e toner per le stampanti, che sono studiati per ottimizzare il lavoro di ufficio. In particolare ha da sempre puntato alla produzione di cartucce di inchiostro a colori separate, ovvero una per ogni colore, piuttosto che cartucce multiple, per permettere agli utenti di risparmiare sul costo e prolungare la durata delle cartucce.

Gli inchiostri Epson sono inchiostri di alta qualità, per delle stampe professionali senza margine di errore, colori nitidi e vivaci, e una perfetta resa di stampa su ogni formato e tipologia di carta.

Ci sono sul mercato le cartucce originali, quelle compatibili e poi le cartucce ricaricabili Epson, che sono cartucce originali che possono utilizzare del nuovo inchiostro per ricaricare le cartucce Epson.

Inchiostro per ricarica cartucce Epson

Le cartucce originali Epson offrono una assoluta qualità come inchiostri e come resa di stampa. Per utilizzare le cartucce originali stesse e non un prodotto di un altro marchio, e risparmiare un po’ sul costo dei consumabili da ufficio, si può usare un apposito inchiostro per ricaricare cartucce Epson.

In questo modo, grazie alle cartucce ricaricabili Epson, si avrà sempre la cartuccia originale a disposizione, con tutte le caratteristiche tecniche realizzate dal marchio stesso per la propria stampante.

L’inchiostro per ricarica cartucce Epson va inserito nella cartuccia esausta, per procedere con la ricarica.

Questa è un’operazione abbastanza semplice e anche alla portata di tutti, solo si deve fare attenzione. Si deve utilizzare una siringa da riempire con l ‘inchiostro e poi da inserire nel foro di ricarica presente nella cartuccia.

Poi si deve chiudere bene con dello scotch il foro presente nella cartuccia, e il gioco è fatto. Non va utilizza la stessa siringa per due colori diversi, ma una per ogni colore, per evitare contaminazioni.

Cartucce Epson ricaricabili autoresettanti

Le cartucce Epson ricaricabili autoresettanti sono cartucce dotate di chip resetter, ovvero sono cartucce ricaricabili  dotate di uno speciale microchip.

Questo si resetta in maniera automatica (è quindi detto autoresettante), quando è vuoto, solo togliendo e poi reinserendo la cartuccia nel suo vano.

Quindi nel macchinario risulta come una cartuccia nuova, e non ricaricata.

Le cartucce ricaricabili auto resettanti sono molto utilizzate oggi perchè assicurano una maggiore durata dell’inchiostro per ricaricare le cartucce Epson.

Si possono usare su tutti i tipi di cartucce Epson ricaricabili.

In commercio esistono anche degli strumenti per resettare da soli le cartucce Epson, o di altro marchio, qualora non fossero autoresettanti.

Infatti basta acquistare lo strumento di reset del chip , che deve essere compatibile con il modello preciso della nostra stampante Epson. Sulla sua confezione è sempre indicato quali sono i dispositivi compatibili.

A questo punto si deve allineare gli spinotti dello strumento sulle tacche alla base della cartuccia. Quando le sue luci lampeggiano con una luce rossa significa che lo strumento è stato riconosciuto ed è stato collegato alla cartuccia.

Si deve continuare a tenere la cartuccia in questa posizione fino a che la luce dello strumento non diventa verde, il che vuol dire che il chip della tua cartuccia Epson è resettato ed è tornato pronto per un nuovo utilizzo.